Protezione civile

Protezione Civile

IL SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE
In Italia la Protezione Civile è un “Servizio Nazionale” organizzato su più livelli.
Il primo livello è quello comunale: il Sindaco, infatti rappresenta l’Autorità comunale di Protezione Civile, la figura più vicina al cittadino ed ha la responsabilità di vigilare e affrontare, con le risorse e gli uomini di cui dispone, i primi momenti di difficoltà e le situazioni emergenziali limitate.
Per le emergenze che il Comune non riesce ad affrontare da solo, il Sindaco chiede l’intervento della Prefettura e della Regione che si attivano in favore delle aree colpite.
Nel caso di calamità naturali, catastrofi od altri eventi, che per intensità ed estensione, debbono essere affrontati con mezzi e poteri straordinari, la responsabilità dell'intervento viene assunta direttamente dal Presidente del Consiglio dei Ministri, che opera tramite il Dipartimento della Protezione Civile.
La Protezione Civile, oltre a gestire i soccorsi dopo l’evento calamitoso, fino al ripristino delle condizioni precedenti all’evento, cura anche il sistema di monitoraggio del territorio, la previsione e la prevenzione dai rischi.
Fanno parte del Servizio Nazionale di Protezione Civile i Vigili del Fuoco, le Forze dell'Ordine, le Forze Armate, il Corpo Forestale, la Croce Rossa, nonché tutta la Comunità Scientifica, il Soccorso Alpino e le strutture del Servizio Sanitario Nazionale.

IL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE
Premesso che in caso di evento calamitoso l'intera struttura comunale sarà impegnata nelle attività di assistenza alla popolazione, il Servizio Protezione Civile comunale prevede la presenza del Sindaco, quale autorità locale di Protezione Civile, nella gestione delle emergenze supportato dal Centro Operativo Comunale (COC), appositamente istituito e composto da dipendenti comunali addetti e specializzati nelle varie funzioni di competenza.

In situazioni di normalità le attività di previsione - prevenzione dai rischi sono svolte dall'Ufficio Protezione Civile, che si occupa anche di: 
- studio e redazione dei Piani di Protezione Civile e delle Procedure Operative per la Gestione delle Emergenze a livello comunale;
- gestione delle istanze, relative a danni subiti da soggetti privati, a seguito di eventi calamitosi;
- espressione pareri sui progetti ricadenti in aree a rischio idrogeologico individuate nel Piano di Assetto Idrogelogico (PAI) redatto dall’Autorità di Bacino del Tevere;
- accertamenti tecnici finalizzati all’individuazione di situazioni di rischio per la pubblica incolumità, effettuati al termine delle operazioni di soccorso del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ed adozione di eventuali provvedimenti sindacali;
- campagne di informazione della cittadinanza sui principali eventi calamitosi (alluvioni, incendi, nevicate, incidenti industriali) indicando i comportamenti per ridurre i rischi;
- formazione degli addetti alle attività di protezione civile.

A supporto dell'Ufficio Protezione Civile opera: 

NUCLEO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE
Per fronteggiare le situazioni di emergenza, di piccola e media entità che coinvolgono frequentemente il territorio comunale, con Deliberazione del Consiglio Comunale del 1987 è stato costituito il Nucleo Comunale di Protezione Civile, il quale ha il compito di intervenire ogni qual volta occorra salvaguardare la pubblica e la privata incolumità.
Il Nucleo Comunale di Protezione Civile è formato da sei squadre operative, costituite da personale appartenente a vari servizi dell’Ente, in modo tale da assicurare un’ampia gamma di competenze, per garantire interventi nel corso dell’intera giornata.

IL VOLONTARIATO
L’Amministrazione Comunale favorisce la partecipazione alle attività di protezione civile delle varie forme associative del volontariato, riconosciute ai sensi delle vigenti disposizioni normative nazionali e regionali, attraverso l’attivazione di protocolli operativi. Il volontariato garantisce un’importante azione di supporto operativo nelle attività di previsione, prevenzione e soccorso svolte dalla struttura comunale.

Per potenziare la struttura comunale di protezione civile e per favorire il coivolgimento della cittadinanza nelle attività di protezione civile, con apposito atto, il Consiglio Comunale ha approvato alla fine del 2011 lo statuto del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile "Civitas Interamna" che conta attualmente circa 50 volontari operativi ed è stato già impegnato in diverse attività di emergenza a partire dal sisma del maggio 2012 verificatosi in Emilia Romagna, partecipando alla gestione delle tendopoli allestite e gestite dalla Regione Umbria con i volontari di tutta la Regione.

LA PIANIFICAZIONE DELL’EMERGENZA
La pianificazione dell’emergenza rappresenta lo strumento dell’ Amministrazione Comunale per organizzare le risposte di protezione civile in caso di evento calamitoso attraverso:

  • l’individuazione delle zone a rischio;
  • l’individuazione degli elementi vulnerabili;
  • l’individuazione delle misure e delle procedure necessarie per proteggere l’uomo e l’ambiente;
  • il coordinamento delle attività sul territorio per fronteggiare l’emergenza e ripristinare lo stato di normalità.

 Protezione civile

Accade in città

Giugno 2016
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930